Articoli con tag: seattle

Gli occhi di Seattle, la città smeraldo

Gli occhi di Seattle sono verdi: assorbono i boschi che hanno intorno e riflettono l’argento della baia su cui la città si adagia. Gli occhi di Seattle sono smeraldo: abituati alla pioggia incessante, quando il sole li tocca brillano di

Gli occhi di Seattle, la città smeraldo

Gli occhi di Seattle sono verdi: assorbono i boschi che hanno intorno e riflettono l’argento della baia su cui la città si adagia. Gli occhi di Seattle sono smeraldo: abituati alla pioggia incessante, quando il sole li tocca brillano di

10 cose che capitano solo nel Pacific Northwest

È remoto, è piovoso, è isolato. È stupendo. È verde, è argento. È poesia. Sfogliando la mia recente vita americana ho scoperto che il Pacific Northwest (e in particolare Seattle) ha deciso per me molte cose: la mia bio di

10 cose che capitano solo nel Pacific Northwest

È remoto, è piovoso, è isolato. È stupendo. È verde, è argento. È poesia. Sfogliando la mia recente vita americana ho scoperto che il Pacific Northwest (e in particolare Seattle) ha deciso per me molte cose: la mia bio di

7 storie per uno stato: è arrivata una cartolina dal Pacific Northwest

Inizia sempre così, la storia di come i Book Riders cercano di mandare una cartolina a casa. Iniziava così, in Illinois e in Californoir; inizia così adesso che siamo tornati dal terzo tour letterario, quello nel Pacific Northwest, e di quel tour non riusciamo a

7 storie per uno stato: è arrivata una cartolina dal Pacific Northwest

Inizia sempre così, la storia di come i Book Riders cercano di mandare una cartolina a casa. Iniziava così, in Illinois e in Californoir; inizia così adesso che siamo tornati dal terzo tour letterario, quello nel Pacific Northwest, e di quel tour non riusciamo a

Charles D’Ambrosio: come Carver, ma a colori

Raymond Carver ci ha insegnato che la vita di provincia americana vive di una sorda corposità e di contorni rifiniti e scolpiti nel silenzio. To carve, in inglese, significa “scolpire, cesellare”: Carver, in letteratura, ha finito così per significare cesellatore, scultore di scrittura.

Charles D’Ambrosio: come Carver, ma a colori

Raymond Carver ci ha insegnato che la vita di provincia americana vive di una sorda corposità e di contorni rifiniti e scolpiti nel silenzio. To carve, in inglese, significa “scolpire, cesellare”: Carver, in letteratura, ha finito così per significare cesellatore, scultore di scrittura.

“Sonic amnesia” | La melodia che flirta con il sole

Ogni anno, quando arriva oggi, penso che queste siano in assoluto le parole migliori. Le parole che voglio leggere per spiegarmi l’assenza di una persona che se n’è andata da tanto ma che è ancora un mistero. Ne ho lette

“Sonic amnesia” | La melodia che flirta con il sole

Ogni anno, quando arriva oggi, penso che queste siano in assoluto le parole migliori. Le parole che voglio leggere per spiegarmi l’assenza di una persona che se n’è andata da tanto ma che è ancora un mistero. Ne ho lette

From Nowhere to Nirvana | Kurt Cobain

Sono vent’anni che Kurt Cobain è morto. Era l’8 aprile 1994 quando trovarono il suo corpo senza vita; era il 5 aprile 1994 quando lui quella vita insostenibile decise di togliersela. In questi vent’anni e, ancor più, in questi giorni

From Nowhere to Nirvana | Kurt Cobain

Sono vent’anni che Kurt Cobain è morto. Era l’8 aprile 1994 quando trovarono il suo corpo senza vita; era il 5 aprile 1994 quando lui quella vita insostenibile decise di togliersela. In questi vent’anni e, ancor più, in questi giorni

Il piacere della carta non è il suo profumo | Cinquanta sfumature di grigio

Signori e signore, ma soprattutto signore: ho rimandato questo post a lungo, ma adesso è giunta l’ora. Se la vita vi ha reso più aperte di me, vi prego di considerare questo breve scritto come una confessione allo specchio: la

Il piacere della carta non è il suo profumo | Cinquanta sfumature di grigio

Signori e signore, ma soprattutto signore: ho rimandato questo post a lungo, ma adesso è giunta l’ora. Se la vita vi ha reso più aperte di me, vi prego di considerare questo breve scritto come una confessione allo specchio: la

Pacific Northwest #8 – Seattle è grunge

Oggi è l’ultima delle Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il

Pacific Northwest #8 – Seattle è grunge

Oggi è l’ultima delle Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il

Pacific Northwest #7 – Seattle è pop

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Pacific Northwest #7 – Seattle è pop

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Pacific Northwest #6 – Tom Robbins e Jimi Hendrix

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Pacific Northwest #6 – Tom Robbins e Jimi Hendrix

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Pacific Northwest #5 – Acqua, terra, acqua e follia

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Pacific Northwest #5 – Acqua, terra, acqua e follia

Continuano le Lezioni Americane, la rubrica in cui si raccontano le tappe del mio viaggio/corso di Letteratura Americana e insieme si scopre come, perché e soprattutto con chi andare per le sue strade. Tenendo sempre bene a mente una cosa: il corso è

Kurt Cobain, un alieno in un graphic novel

Lui si chiama Danilo Deninotti, è nato nel 1980 e vive a Milano. Ha co-fondato quella meravigliosa rivista letteraria dal nome musicale, “Eleanor Rigby”, ha pubblicato alcuni racconti e poi, un giorno, in circostanze misteriose e forse alcoliche, ha realizzato

Kurt Cobain, un alieno in un graphic novel

Lui si chiama Danilo Deninotti, è nato nel 1980 e vive a Milano. Ha co-fondato quella meravigliosa rivista letteraria dal nome musicale, “Eleanor Rigby”, ha pubblicato alcuni racconti e poi, un giorno, in circostanze misteriose e forse alcoliche, ha realizzato

Scrittori americani sulla strada per Torino | Pacific Northwest

Lo scorso 15 ottobre 2013 è iniziata un’avventura che ha avvicinato Torino all’America. O, meglio, una parte di Torino, quella raccolta nei locali del polo culturale Lombroso 16, a una zona dell’America molto precisa, l’Illinois. Il primo modulo del mio

Scrittori americani sulla strada per Torino | Pacific Northwest

Lo scorso 15 ottobre 2013 è iniziata un’avventura che ha avvicinato Torino all’America. O, meglio, una parte di Torino, quella raccolta nei locali del polo culturale Lombroso 16, a una zona dell’America molto precisa, l’Illinois. Il primo modulo del mio

Come As You Are

Stamattina Kurt Cobain mi ha lanciato dal cielo un segnale diretto e chiaro: aveva la forma di una grande cacca di piccione marroncina, atterrata pesantemente sul mio agile ginocchio per l’occasione foderato di uno dei miei pantaloni migliori. Stamattina ero

Come As You Are

Stamattina Kurt Cobain mi ha lanciato dal cielo un segnale diretto e chiaro: aveva la forma di una grande cacca di piccione marroncina, atterrata pesantemente sul mio agile ginocchio per l’occasione foderato di uno dei miei pantaloni migliori. Stamattina ero