Articoli con tag: new york

I libri di settembre 2019

Questo mese è accaduto il miracolo: ho letto un libro che mi ha cambiato la testa. Ultimamente succede così di rado che ho assaporato quella sensazione di miracolo – appunto – veramente fino in fondo. E, sorpresa delle sorprese, non

I libri di settembre 2019

Questo mese è accaduto il miracolo: ho letto un libro che mi ha cambiato la testa. Ultimamente succede così di rado che ho assaporato quella sensazione di miracolo – appunto – veramente fino in fondo. E, sorpresa delle sorprese, non

I libri di agosto 2019

Ad agosto ho letto moltissimi libri, ma quasi tutti ad alta voce ai Book Riders durante i due intensi tour che abbiamo fatto in California. Ecco perché qui, oggi, ne trovate solo due: un graphic novel e un memoir. Entrambi

I libri di agosto 2019

Ad agosto ho letto moltissimi libri, ma quasi tutti ad alta voce ai Book Riders durante i due intensi tour che abbiamo fatto in California. Ecco perché qui, oggi, ne trovate solo due: un graphic novel e un memoir. Entrambi

Se la strada potesse parlare: libro vs film

Questo è un articolo doppio, e in un doppio tempo è stato scritto. Inizialmente la recensione del libro, letto in breve tempo e prima dell’uscita del film. In un secondo momento, appunto, un commento sul film, a caldo, qualche settimana

Se la strada potesse parlare: libro vs film

Questo è un articolo doppio, e in un doppio tempo è stato scritto. Inizialmente la recensione del libro, letto in breve tempo e prima dell’uscita del film. In un secondo momento, appunto, un commento sul film, a caldo, qualche settimana

I libri di gennaio 2019

Anno nuovo, letture nuove? Not really. È stato un mese di grandi classici e importanti recuperi: non solo di storie che ancora non avevo letto ma anche di “amici” che non frequentavo da un po’. Uno, in particolare, quello che

I libri di gennaio 2019

Anno nuovo, letture nuove? Not really. È stato un mese di grandi classici e importanti recuperi: non solo di storie che ancora non avevo letto ma anche di “amici” che non frequentavo da un po’. Uno, in particolare, quello che

La gentilezza degli estranei

Una mattina mi sono seduta sul divano con questo libro in mano e mi sono alzata poche ore dopo, una volta finito, provando una nostalgia infinita di quel tempo in cui le persone erano gentili. Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth

La gentilezza degli estranei

Una mattina mi sono seduta sul divano con questo libro in mano e mi sono alzata poche ore dopo, una volta finito, provando una nostalgia infinita di quel tempo in cui le persone erano gentili. Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth

#lovingNYC | Cavatappi

Sono in aeroporto, il mio volo ha un ritardo di tre ore e, qui seduta per terra di fronte a decine di persone già stanche, penso che sono venuta in aeroporto in metro. Non era necessario, avevo tutto il tempo

#lovingNYC | Cavatappi

Sono in aeroporto, il mio volo ha un ritardo di tre ore e, qui seduta per terra di fronte a decine di persone già stanche, penso che sono venuta in aeroporto in metro. Non era necessario, avevo tutto il tempo

#lovingNYC | Ricordo

Leaving New York never easy cantavano una volta i REM. Lasciare New York non è mai facile, neanche se devi andare a fare una gita. La prima volta che venni qui, sette anni fa, il piano era che stessi una

#lovingNYC | Ricordo

Leaving New York never easy cantavano una volta i REM. Lasciare New York non è mai facile, neanche se devi andare a fare una gita. La prima volta che venni qui, sette anni fa, il piano era che stessi una

#lovingNYC | Bellezza

Mentre c'è questa ballerina che, in costume leggins passi di danza e muscoli scolpiti, si fa fare delle foto da un'amica in uno degli angoli più belli di Central Park e io la fotografo a mia volta dalla scalinata su

#lovingNYC | Bellezza

Mentre c'è questa ballerina che, in costume leggins passi di danza e muscoli scolpiti, si fa fare delle foto da un'amica in uno degli angoli più belli di Central Park e io la fotografo a mia volta dalla scalinata su

#lovingNYC | Stagioni

Per una volta nella vita vorrei che fosse inverno. L’oceano sarebbe dello stesso colore, il cielo anche, il molo no. Il molo sarebbe vuoto, e le giostre pure. Sono a Coney Island, il più grande Luna Park d’America che da

#lovingNYC | Stagioni

Per una volta nella vita vorrei che fosse inverno. L’oceano sarebbe dello stesso colore, il cielo anche, il molo no. Il molo sarebbe vuoto, e le giostre pure. Sono a Coney Island, il più grande Luna Park d’America che da

#lovingNYC | Soggetto

C’è questo film stupendo su New York che si intitola New York, I Love You. Non so bene perché, questo film in Italia non è mai arrivato. New York, I Love You è l’esperimento di 11 registi che raccontano 11

#lovingNYC | Soggetto

C’è questo film stupendo su New York che si intitola New York, I Love You. Non so bene perché, questo film in Italia non è mai arrivato. New York, I Love You è l’esperimento di 11 registi che raccontano 11

#lovingNYC | Grazia

Sono al Valentino Pier, nel mio quartiere Red Hook. So che sono le 20.09 perché un ragazzo si è seduto su una panchina vicino a me e, mentre io sto guardano il New Jersey andare a fuoco dentro un tramonto

#lovingNYC | Grazia

Sono al Valentino Pier, nel mio quartiere Red Hook. So che sono le 20.09 perché un ragazzo si è seduto su una panchina vicino a me e, mentre io sto guardano il New Jersey andare a fuoco dentro un tramonto

#lovingNYC | Totem

Dovevo scendere a Union Square ma ho mancato la fermata. La metro era partita da Carroll Street a Brooklyn e andava verso nord, né lenta né veloce. Dovevo scendere a Union Square ma stavo pensando e ho mancato la fermata.

#lovingNYC | Totem

Dovevo scendere a Union Square ma ho mancato la fermata. La metro era partita da Carroll Street a Brooklyn e andava verso nord, né lenta né veloce. Dovevo scendere a Union Square ma stavo pensando e ho mancato la fermata.

#lovingNYC | Mare

Salivo le scale strettissime di questa casa, qualche giorno fa, maneggiando una valigia rossa pesante e una persona – la mia – instabile e anch’essa pesante per l’aereo la dogana la metro metro metro and then five blocks on your

#lovingNYC | Mare

Salivo le scale strettissime di questa casa, qualche giorno fa, maneggiando una valigia rossa pesante e una persona – la mia – instabile e anch’essa pesante per l’aereo la dogana la metro metro metro and then five blocks on your

#lovingNYC | Ancora

Sono a Washington Square e sono una delle persone sedute in uno dei quattro quarti di prato intorno alla fontana, di fianco all’arco. Gli altri intorno a me stanno guardando il cellulare, mangiando, prendendo un bagno di sole mezzi nudi,

#lovingNYC | Ancora

Sono a Washington Square e sono una delle persone sedute in uno dei quattro quarti di prato intorno alla fontana, di fianco all’arco. Gli altri intorno a me stanno guardando il cellulare, mangiando, prendendo un bagno di sole mezzi nudi,

La New York di Don DeLillo e Paul Auster

Non lo pensavo, all’inizio, ma mi è stato invece confermato da più voci: è bello fare viaggi lunghi e pieni di stimoli, dove a ogni tappa si scopre qualcosa di nuovo – un personaggio, un racconto, un paesaggio, delle usanze.

La New York di Don DeLillo e Paul Auster

Non lo pensavo, all’inizio, ma mi è stato invece confermato da più voci: è bello fare viaggi lunghi e pieni di stimoli, dove a ogni tappa si scopre qualcosa di nuovo – un personaggio, un racconto, un paesaggio, delle usanze.

È nato prima l’amore o New York? Una storia

Chissà come mai, mi chiedo ogni tanto, quando qualcuno va o torna o si trasferisce a New York le parole che usa per descrivere il suo viaggio somigliano tanto a quelle che di norma appartengono alle storie d’amore. Travolgimento, passione,

È nato prima l’amore o New York? Una storia

Chissà come mai, mi chiedo ogni tanto, quando qualcuno va o torna o si trasferisce a New York le parole che usa per descrivere il suo viaggio somigliano tanto a quelle che di norma appartengono alle storie d’amore. Travolgimento, passione,