Su carta

working-on-capote

Su carta ci lavoro la maggior parte del tempo, perché è qui che vanno a finire le storie che correggo, quelle che scrivo e quelle che invento. Le storie che, prima di tutto, leggo. E non siate così poco fantasiosi da pensare che si può chiamare carta solo una cosa.

Ci sono i libri, di certo, ma anche gli articoli di giornale, gli ebook, dei terribili PDF ai loro innumerevoli giri di bozze, i copioni, i file audio da trascrivere, i file Word da formattare, i comunicati stampa, le quarte di copertina e poi un intimo parco giochi a volte pieno di luce a volte oscuro che si fa chiamare immaginazione.

Sono una freelance della scrittura a cui ancora quell’idea di free davanti a lance dà un gran senso di benessere.


Tra le collaborazioni a cui tengo di più ci sono:

  1. consulenza e presentazione del book tour di Black Coffee, casa editrice fiorentina dedicata alla letteratura nordamericana contemporanea;
  2. pubblicazione di reportage per alcuni magazine culturali italiani come Rivista Studio;
  3. rubrica dedicata al meglio della cultura a stelle e strisce sul periodico femminile Shop in the City.