#lovingNYC | Bellezza

Mentre c'è questa ballerina che, in costume leggins passi di danza e muscoli scolpiti, si fa fare delle foto da un'amica in uno degli angoli più belli di Central Park e io la fotografo a mia volta dalla scalinata su

#lovingNYC | Bellezza

Mentre c'è questa ballerina che, in costume leggins passi di danza e muscoli scolpiti, si fa fare delle foto da un'amica in uno degli angoli più belli di Central Park e io la fotografo a mia volta dalla scalinata su

#lovingNYC | Stagioni

Per una volta nella vita vorrei che fosse inverno. L’oceano sarebbe dello stesso colore, il cielo anche, il molo no. Il molo sarebbe vuoto, e le giostre pure. Sono a Coney Island, il più grande Luna Park d’America che da

#lovingNYC | Stagioni

Per una volta nella vita vorrei che fosse inverno. L’oceano sarebbe dello stesso colore, il cielo anche, il molo no. Il molo sarebbe vuoto, e le giostre pure. Sono a Coney Island, il più grande Luna Park d’America che da

#lovingNYC | Soggetto

C’è questo film stupendo su New York che si intitola New York, I Love You. Non so bene perché, questo film in Italia non è mai arrivato. New York, I Love You è l’esperimento di 11 registi che raccontano 11

#lovingNYC | Soggetto

C’è questo film stupendo su New York che si intitola New York, I Love You. Non so bene perché, questo film in Italia non è mai arrivato. New York, I Love You è l’esperimento di 11 registi che raccontano 11

#lovingNYC | Grazia

Sono al Valentino Pier, nel mio quartiere Red Hook. So che sono le 20.09 perché un ragazzo si è seduto su una panchina vicino a me e, mentre io sto guardano il New Jersey andare a fuoco dentro un tramonto

#lovingNYC | Grazia

Sono al Valentino Pier, nel mio quartiere Red Hook. So che sono le 20.09 perché un ragazzo si è seduto su una panchina vicino a me e, mentre io sto guardano il New Jersey andare a fuoco dentro un tramonto

#lovingNYC | Totem

Dovevo scendere a Union Square ma ho mancato la fermata. La metro era partita da Carroll Street a Brooklyn e andava verso nord, né lenta né veloce. Dovevo scendere a Union Square ma stavo pensando e ho mancato la fermata.

#lovingNYC | Totem

Dovevo scendere a Union Square ma ho mancato la fermata. La metro era partita da Carroll Street a Brooklyn e andava verso nord, né lenta né veloce. Dovevo scendere a Union Square ma stavo pensando e ho mancato la fermata.

#lovingNYC | Mare

Salivo le scale strettissime di questa casa, qualche giorno fa, maneggiando una valigia rossa pesante e una persona – la mia – instabile e anch’essa pesante per l’aereo la dogana la metro metro metro and then five blocks on your

#lovingNYC | Mare

Salivo le scale strettissime di questa casa, qualche giorno fa, maneggiando una valigia rossa pesante e una persona – la mia – instabile e anch’essa pesante per l’aereo la dogana la metro metro metro and then five blocks on your

#lovingNYC | Ancora

Sono a Washington Square e sono una delle persone sedute in uno dei quattro quarti di prato intorno alla fontana, di fianco all’arco. Gli altri intorno a me stanno guardando il cellulare, mangiando, prendendo un bagno di sole mezzi nudi,

#lovingNYC | Ancora

Sono a Washington Square e sono una delle persone sedute in uno dei quattro quarti di prato intorno alla fontana, di fianco all’arco. Gli altri intorno a me stanno guardando il cellulare, mangiando, prendendo un bagno di sole mezzi nudi,

Come si fa un festival per non far morire un festival

Qualche tempo fa, di ritorno dal tour dei Book Riders nella Californoir, scrissi un post sulle librerie intitolato Come si fa una libreria per non far morire una libreria. Era un desiderio, più che un post. Ne avevo viste di

Come si fa un festival per non far morire un festival

Qualche tempo fa, di ritorno dal tour dei Book Riders nella Californoir, scrissi un post sulle librerie intitolato Come si fa una libreria per non far morire una libreria. Era un desiderio, più che un post. Ne avevo viste di

Novembre 2017 | I Book Riders nel Wild Wild Texas

Quando viaggiò in lungo e in largo per il suo paese, John Steinbeck descrisse il Texas usando due frasi che, negli anni, rimasero leggendarie: Texas is a state of mind, da un lato, e Poche persone hanno il coraggio di

Novembre 2017 | I Book Riders nel Wild Wild Texas

Quando viaggiò in lungo e in largo per il suo paese, John Steinbeck descrisse il Texas usando due frasi che, negli anni, rimasero leggendarie: Texas is a state of mind, da un lato, e Poche persone hanno il coraggio di

Texas, tutto un altro paese

C’era una volta un libro – il solito libro – di cui vi ho già parlato tantissime volte, State by State. A Panoramic Portrait of America, antologia in Italia per ora inedita. Ve ne ho parlato qui, a lezione e in

Texas, tutto un altro paese

C’era una volta un libro – il solito libro – di cui vi ho già parlato tantissime volte, State by State. A Panoramic Portrait of America, antologia in Italia per ora inedita. Ve ne ho parlato qui, a lezione e in

Dacci oggi il nostro pop quotidiano

I tempi stanno cambiando e da queste parti ne siamo tutti felici. Il pop sembra aver invaso Sanremo (non capisco, tuttavia, la differenza lampante che trovate tra il pop di quest’anno e quello degli altri anni), le case editrici, i luoghi

Dacci oggi il nostro pop quotidiano

I tempi stanno cambiando e da queste parti ne siamo tutti felici. Il pop sembra aver invaso Sanremo (non capisco, tuttavia, la differenza lampante che trovate tra il pop di quest’anno e quello degli altri anni), le case editrici, i luoghi

Che fine hanno fatto i Book Riders?

I Book Riders si sono presi un periodo di pausa per fare dei figli. Non dei figli umani, come subito starete pensando. No. Dei figli di lavoro. Dei mini Book Riders. I più attenti di voi si saranno accorti che

Che fine hanno fatto i Book Riders?

I Book Riders si sono presi un periodo di pausa per fare dei figli. Non dei figli umani, come subito starete pensando. No. Dei figli di lavoro. Dei mini Book Riders. I più attenti di voi si saranno accorti che

The Last Stop | Che fine hanno fatto le aree di ristoro degli Stati Uniti?

Finalmente, il Texas! Lo scorso novembre ho avuto il piacere di assistere al Texas Book Festival di Austin, una festa della lettura dall’atmosfera tanto poco solenne quanto molto (davvero molto) comunitaria e rilassata. L’emozione enorme di vedere Don DeLillo e

The Last Stop | Che fine hanno fatto le aree di ristoro degli Stati Uniti?

Finalmente, il Texas! Lo scorso novembre ho avuto il piacere di assistere al Texas Book Festival di Austin, una festa della lettura dall’atmosfera tanto poco solenne quanto molto (davvero molto) comunitaria e rilassata. L’emozione enorme di vedere Don DeLillo e

Non si resta mai uguali a prima | Edith

Cambiamenti, assestamenti, conseguenze: chi di voi è stato salutato dalla mia newsletter di dicembre sa che il nuovo anno – questo 2017 così dispari e promettente e giù turbinante – non poteva iniziare maschio. E infatti inizia donna. Allontanati momentaneamente

Non si resta mai uguali a prima | Edith

Cambiamenti, assestamenti, conseguenze: chi di voi è stato salutato dalla mia newsletter di dicembre sa che il nuovo anno – questo 2017 così dispari e promettente e giù turbinante – non poteva iniziare maschio. E infatti inizia donna. Allontanati momentaneamente

La visione di Sara Taylor: il romanzo del 2016

Originally posted on Malesangue:
Non era abbastanza grande per essere il dente di una mucca. Probabilmente era appartenuto a un cervo che era stato aggredito dai coyote. Oppure era da poco morto di vecchiaia, sotto quel cielo, con il vento…

La visione di Sara Taylor: il romanzo del 2016

Originally posted on Malesangue:
Non era abbastanza grande per essere il dente di una mucca. Probabilmente era appartenuto a un cervo che era stato aggredito dai coyote. Oppure era da poco morto di vecchiaia, sotto quel cielo, con il vento…

La New York di Don DeLillo e Paul Auster

Non lo pensavo, all’inizio, ma mi è stato invece confermato da più voci: è bello fare viaggi lunghi e pieni di stimoli, dove a ogni tappa si scopre qualcosa di nuovo – un personaggio, un racconto, un paesaggio, delle usanze.

La New York di Don DeLillo e Paul Auster

Non lo pensavo, all’inizio, ma mi è stato invece confermato da più voci: è bello fare viaggi lunghi e pieni di stimoli, dove a ogni tappa si scopre qualcosa di nuovo – un personaggio, un racconto, un paesaggio, delle usanze.