Archivio della categoria: Telefono, tv, cinema e altri schermi

The Last Stop | Che fine hanno fatto le aree di ristoro degli Stati Uniti?

Finalmente, il Texas! Lo scorso novembre ho avuto il piacere di assistere al Texas Book Festival di Austin, una festa della lettura dall’atmosfera tanto poco solenne quanto molto (davvero molto) comunitaria e rilassata. L’emozione enorme di vedere Don DeLillo e

The Last Stop | Che fine hanno fatto le aree di ristoro degli Stati Uniti?

Finalmente, il Texas! Lo scorso novembre ho avuto il piacere di assistere al Texas Book Festival di Austin, una festa della lettura dall’atmosfera tanto poco solenne quanto molto (davvero molto) comunitaria e rilassata. L’emozione enorme di vedere Don DeLillo e

The Affair | L’amore non ha solo due occhi

Uno dei principi su cui si basa il racconto di una storia – qualsiasi storia, da quelle letterarie a quelle al bar a quelle negli schermi – è che qualsiasi suo aspetto è condizionato dal punto di vista di chi,

The Affair | L’amore non ha solo due occhi

Uno dei principi su cui si basa il racconto di una storia – qualsiasi storia, da quelle letterarie a quelle al bar a quelle negli schermi – è che qualsiasi suo aspetto è condizionato dal punto di vista di chi,

The End of the Tour: visione consigliata in compagnia degli amici di Wallace

Questo film a molti di voi non piacerà. Lontano dalla caratterizzazione di David Foster Wallace quale genio che lotta – compiaciuto da un lato, sofferente dall’altro – con la complessità della propria scrittura, un genio in qualche modo nobilitato dall’incapacità di venire a patti con la

The End of the Tour: visione consigliata in compagnia degli amici di Wallace

Questo film a molti di voi non piacerà. Lontano dalla caratterizzazione di David Foster Wallace quale genio che lotta – compiaciuto da un lato, sofferente dall’altro – con la complessità della propria scrittura, un genio in qualche modo nobilitato dall’incapacità di venire a patti con la

Se in questi giorni fossi a New Orleans griderei per Tennessee Williams

Se in questi giorni fossi a New Orleans sarei felice. Se in questi giorni fossi a New Orleans non solo sarei tanto felice da gridare, ma griderei proprio per una persona in particolare: griderei per Tennessee Williams, il drammaturgo più

Se in questi giorni fossi a New Orleans griderei per Tennessee Williams

Se in questi giorni fossi a New Orleans sarei felice. Se in questi giorni fossi a New Orleans non solo sarei tanto felice da gridare, ma griderei proprio per una persona in particolare: griderei per Tennessee Williams, il drammaturgo più

Roy Lichtenstein nel paese delle meraviglie: Torino

Per una Musa come me, che ha fatto del pop la sua firma e la sua rivoluzione, una mostra su Roy Lichtenstein, padre americano della pop art, non poteva che essere il modo giusto per iniziare l’anno nuovo. Nella mia città,

Roy Lichtenstein nel paese delle meraviglie: Torino

Per una Musa come me, che ha fatto del pop la sua firma e la sua rivoluzione, una mostra su Roy Lichtenstein, padre americano della pop art, non poteva che essere il modo giusto per iniziare l’anno nuovo. Nella mia città,

States of Decay | Le più belle immagini della decadenza

Due giovani fotografi inglesi si incontrano in un pub: è una sera del 2011, è Londra, è un tempo di rivalità tra i due perché entrambi, nella loro ricerca artistica, si stanno occupando di bellezza e decadenza, soprattutto decadenza urbana.

States of Decay | Le più belle immagini della decadenza

Due giovani fotografi inglesi si incontrano in un pub: è una sera del 2011, è Londra, è un tempo di rivalità tra i due perché entrambi, nella loro ricerca artistica, si stanno occupando di bellezza e decadenza, soprattutto decadenza urbana.

LA e NYC, nuove città d’Italia

Il 2013 negli Stati Uniti è l’anno della cultura italiana. Nelle grandi città, ma chissà forse anche in qualche centro urbano minore, la letteratura, l’arte, l’architettura, la storia – in una parola, la nostra grande tradizione creativa viene celebrata con

LA e NYC, nuove città d’Italia

Il 2013 negli Stati Uniti è l’anno della cultura italiana. Nelle grandi città, ma chissà forse anche in qualche centro urbano minore, la letteratura, l’arte, l’architettura, la storia – in una parola, la nostra grande tradizione creativa viene celebrata con

Il lato sbagliato del ponte | Brooklyn

Per lavoro qualche giorno fa sono stata sollecitata a pensare a New York. Per lavoro mi è stato chiesto di parlare di New York, di trovare un modo di raccontarla e presentarla, di trovare parole mie e di altri per

Il lato sbagliato del ponte | Brooklyn

Per lavoro qualche giorno fa sono stata sollecitata a pensare a New York. Per lavoro mi è stato chiesto di parlare di New York, di trovare un modo di raccontarla e presentarla, di trovare parole mie e di altri per

Independence Page – America tra le righe

Oggi è il 4 luglio, il giorno in cui l’America si autocelebra in quanto nazione indipendente. Tra i suoi confini questo è il giorno dei fuochi d’artificio, della gloria del barbecue, della famiglia riunita attorno alla tv che trasmette il

Independence Page – America tra le righe

Oggi è il 4 luglio, il giorno in cui l’America si autocelebra in quanto nazione indipendente. Tra i suoi confini questo è il giorno dei fuochi d’artificio, della gloria del barbecue, della famiglia riunita attorno alla tv che trasmette il