Gli occhi di Seattle, la città smeraldo

Gli occhi di Seattle sono verdi: assorbono i boschi che hanno intorno e riflettono l’argento della baia su cui la città si adagia. Gli occhi di Seattle sono smeraldo: abituati alla pioggia incessante, quando il sole li tocca brillano di una lucentezza che porta via il fiato. Gli occhi di Seattle sono chiari, spesso anche opachi: hanno pianto molto, e piangono ancora in qualche giornata d’inverno troppo fredda e bagnata.

1a

Ai margini della cultura e del commercio del paese per molti – troppi – anni, isolata dalla frenesia e dal movimento che muoveva l’America durante gran parte del Novecento, Seattle, la città principale dello stato di Washington, l’angolino più estremo dell’occidente americano, sotto il Canada e verso il Pacifico, Seattle, la città-isola che sognava di volare con l’unica industria che per tantissimi anni ha dato lavoro alla sua gente, la Boeing, Seattle – sporca, trucida, grunge, comatosa coma la definisce uno dei suoi scrittori – oggi non ha più occhi timidi né sopracciglia che tradiscono imbarazzo. I tempi sono cambiati, gli occhi degli altri sono su di lei, c’è chi la sogna e la desidera. C’è chi la guarda e la agogna come una volta accadeva a chi della luce non aveva certo paura, la California.

Gli occhi di Seattle oggi sono sotto i riflettori, alcuni riflessi si muovono verso il suo passato, altri solo verso il futuro. Ed è proprio questa via, nel mezzo tra due spinte opposte, che conquista chi incrocia il suo sguardo: una via che durerà poco, che brucia di un’energia che si sta già esaurendo e che però nei giorni di buona riesce ancora a farti credere che persino la pioggia non è poi così male qui. Anche lei si ferma a lasciare che gli occhi si riempiano di bellezza, ogni tanto.

IMG_7666

E poi c’è quella cosa lì, che sta al fondo degli occhi di Seattle e che qualcuno chiama passato, ma che passata non è mai per davvero. C’è quella cosa lì, che è una sottile vibrazione di cui brillano solo gli occhi smeraldo di questa città in tutto il mondo, che è quell’onda magnetica che gravita intorno alla pancia già all’atterraggio in aeroporto, che è quella nota che suona in ogni strada e in ogni angolo anche quando non si sente.

La spinta che porta Seattle verso il futuro è fatta di tecnologia, digitale, capitale, turismo, immobili che costano sempre di più. Ma la spinta che invece porta verso il suo passato, verso l’eredità, le radici, quella cosa inestirpabile che ha fatto conoscere Seattle prima a se stessa e poi a noi è fatta di una cosa sola: la musica. E la musica è spirito, colora i muri e gli animi, guida la mano degli street artist e le idee dei politici, salva la vita agli homeless (che sono tantissimi) e dà il benvenuto ai turisti, ferma il tempo in un eterno 1992 e omaggia la cultura in un perpetuo dialogo con il pop, i musei, le sculture e i locali.

La musica di Seattle risuona ancora nelle onde del Puget Sound, nelle librerie e nei libri, nelle nuvole sopra la testa, nella casa di Kurt Cobain nascosta nel verde, nelle macchine di tutti quelli che vengono qui a dirgli semplicemente “mi manchi”, nel salotto di Eddie Vedder che forse è la città intera per quanto i Pearl Jam qui sono amati e trattati da amici, nelle locandine sui pali, nelle serate in cui suonano i diciassettenni incazzati, nei negozi di dischi grandi come isolati, nelle magliette della gente, negli adesivi degli Alice in Chains ancora attaccati sui cessi, nelle chitarre che nei negozi portano il nome di Jimi Hendrix, nelle fanzine che davvero sembrano ancora gli anni Novanta.

Certo, una volta tutto questo era molto, molto di più. Però ecco, gli occhi di Seattle raccontano una cosa vera: a vivere di nostalgia si piange e basta. Forse il futuro è accecante, ma non ci tradirà troppo se continuiamo a guardarci dentro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  1. Bello quello che hai scritto, mi sono appassionata.

    Mi piace

  2. Federica

    Io già la amo di mio, per tanti motivi, estetici, musicali, cinefili, ecc ecc poi dopo questi articoli e seguendo il vostro viaggio non posso che amarla di più e scalpitare per vederla…sto cercando di capire se nel mio cuoricino adesso ci sia più il Puget Sound al tramonto, visto magari da un bar sorseggiando una birra, e le mille voci e colori e odori del market, o il gusto di sorseggiare un cappuccino nel primo Starbuck della sotia, o se invece sono pronta per il Texas, per due settimane di polvere, panorami sconfinati, rotaie che si perdono nel deserto, canyon emozionanti e locali con musica country, uomini con cappelli e stivali ed un clamoroso burger da addentare…..vediamo dove riuscirai a portarmi, me, il mio taccuino, la mia Canon e i miei occhi sempre pronti a divorare tutto ciò che per anni hanno solo immaginato e sognato da lontano.

    Mi piace

  3. silvana cicco

    Gli occhi smeraldo……..hai scelto una lettura di questa città che trovo semplicemente poetica.
    complimenti e baci
    Silvana

    Mi piace

  4. Io ci sono stata questa estate… l’aspettavo da un paio di anni e arrivarci e “conquistarmela” è stata un’esperienza impagabile.

    Bella, bellissima….

    Una delle città più splendide che abbia mai visto.

    Elena

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: