Maggio 2016 | I Book Riders nel Pacific Northwest

Carrie Brownstein, cantante, scrittrice e attrice, un giorno ha scritto un ritratto dello stato di Washington e per iniziarlo ha scelto la pioggia. Non credo ci sia nessuno al mondo a cui piaccia la pioggia, ma forse – leggendo il racconto di Brownstein – si capisce perché: perché nessuno ha mai conosciuto (e vissuto) davvero i frutti che la pioggia fa crescere sotto il suo mantello d’argento. Non, almeno, quelli che stanno in uno degli angoli più lontani d’America, il Pacific Northwest.

cropped-Seattle-Washington-USA

Lei nomina Kurt Cobain, ad esempio. Il suo intonare le canzoni al sole tutte le volte che il sole non c’era. A me, invece, vengono in mente gli anni sereni di Raymond Carver a Port Angeles, quando lo scrittore andava a pescare da solo al fiume o quando al mattino si svegliava e, fuori dalla sua finestra, l’oceano e il cielo si univano nella stessa calma e pacifica nebulosa bianca. Carver ha scelto di essere sepolto a Port Angeles: gli piacevano l’acqua, i fiumi, le cascate; erano stati gli elementi della sua infanzia poco distante da lì, a Yakima, in Oregon. L’hanno chiamato Carver Country il Pacific Northwest, proprio in onore di questo legame affettivo così forte tra un uomo, la sua scrittura e la terra.

Si dice che il Pacific Northwest sia la più grande isola d’America e, come tutte le grandi isole, dalla Gran Bretagna alla Jamaica, da Cuba al Giappone, la sua cultura è forte, unica e immediatamente riconoscibile. La sua cultura è intima, dolce, grunge. Si dice che il Pacific Northwest – la somma dello stato dell’Oregon più quello di Washington – sia un paesaggio bellissimo, dominato dal colore verde e da quella foschia piena di pace che altro non è che la versione naturale della poesia.

Ed è proprio questa poesia che io e XPLORE vogliamo portarvi a conoscere. A vivere. A fare vostra. Insieme alle parole, alla canzoni, alle fotografie e alle immagini di alcuni dei migliori e – in questo caso si può dire senza esagerare – più amati artisti americani di sempre.

Più passano i viaggi, più aumentano i Book Riders, più sono convinta che là dove geografia e letteratura si incontrano, là dove la sella dei nostri motori letterari ci conduce, quello è veramente il posto dove gli Stati Uniti si svelano per davvero. Quello è il posto dove vale la pena viaggiare.

Comodi, sorpresi e ispirati.

Ready to hit the road?

BookRiders_PNW_LOCA

PRONTUARIO

È trascorso solo un anno dalla nascita dei Book Riders e noi proviamo già a fare il grande salto: duplicare i gruppi, fare un tour dietro l’altro! Abbiamo ricevuto numerose manifestazioni di interessamento e innumerevoli di affezione al progetto: oltre a ringraziarvi (per noi è un segnale di crescita pazzesco!) e a chiedervi di non smettere mai di darci il vostro prezioso appoggio, questa volta vediamo se riusciamo a portarvi in America non solo in 8 ma in 16!

Funziona così: il primo obiettivo è chiudere un gruppo con 8 partecipanti. Alla chiusura del gruppo n.1 si apre una lista d’attesa in cui – in ordine di prenotazione – vengono inseriti i nominativi del gruppo n.2. A quel punto si spinge come i pazzi per arrivare a 8 e assicurare anche a questo gruppo di partire. I concetti base, da oggi in avanti, sono: velocità di prenotazione, solidarietà e spirito di squadra. Se porti un amico, ad esempio, se lo dirai a lavoro, se cercherai di convincere i tuoi parenti, se ti farai regalare il viaggio per il compleanno e tu a tua volta lo regalerai a tuo marito, ci saranno più possibilità che parta anche il gruppo n.2 e, in più, che tutti si paghi un po’ meno.

Dubbi.

  1. Che cos’è l’ordine di prenotazione? L’ordine di prenotazione è molto simile all’ordine cronologico (chi prima prenota meglio sta) ma prevede il versamento di un piccolo acconto. Vale anche per la chiusura del gruppo n.1.
  2. Preferenze di date: puoi esprimerle? Ovviamente sì, ma apprezziamo anche la tua flessibilità. Ricorda che il primo obiettivo è chiudere il gruppo n.1.
  3. C’è un modo per esprimere le preferenze di date e sapere chi c’è in quale gruppo? Sì, abbiamo creato un Doodle al quale ti inviteremo quando ci sentiremo per confermare l’iscrizione.

Tutto chiaro? Sì?

Allora dichiaro ufficialmente aperte le iscrizioni 🙂

——-

PS: se siete stati attenti avrete notato che il logo dei Book Riders è sempre lo stesso nella forma generale ma cambiano i pop-up ogni volta che cambia la destinazione. Per l’Illinois c’erano un silos e un grattacielo (le due anime dello Stato); per la Californoir c’erano la collina di Hollywood e la tavola da surf con una dalia nera disegnata sopra; per il Pacific Northwest ci sono lo Space Needle di Seattle, il Mount Rainer e un pescatore, la figura guida del viaggio. Se anche voi come me pensate che questa sia una figata totale, ringraziate il caro Thomas Guiducci: l’ha pensata e realizzata lui! Qui li vedete tutti.

Advertisements

  1. Elisa

    Complimenti per l’idea geniale, per essere riuscita a realizzarla e per tutta la passione e il lavoro che c’è dietro!
    Al momento, escludo di poter prendere parte al viaggio, ma chissà in futuro… Nel mentre, sto divorando tutti i tuoi post. Mi piace scoprire, attraverso le tue rubriche, tutti questi aspetti della – a dir poco sfaccettata – cultura americana.
    A presto!

    Liked by 1 persona

  2. Mauro Oggero

    A me la pioggia piace: il mio clima preferito è quello della tipica giornata novembrina (quello che se ci va bene abbiamo un paio di giorni all’anno.)
    E quello che mi piace dello stato di Washington è appunto quell’atmosfera di pioggia sempre incombente.

    Ciao!

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: 7 storie per uno stato: è arrivata una cartolina dal Pacific Northwest | La McMusa

  4. Pingback: Ottobre 2016 | C’è ancora America per chi la ama | La McMusa

  5. Pingback: Maggio 2016 | I Book Riders tornano in America | La McMusa

  6. Pingback: Che fine hanno fatto i Book Riders? | La McMusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: