Nel Pacific Northwest di Raymond Carver

Non lo pensavo, all’inizio, ma mi è stato invece confermato da più voci: è bello fare viaggi lunghi e pieni di stimoli, dove a ogni tappa si scopre qualcosa di nuovo – un personaggio, un racconto, un paesaggio, delle usanze. Però con quanta facilità possono andare via quegli stimoli se non si trova il modo di trasformarli in esperienza? Se non si trova il modo di fermarli e farli diventare un microcosmo in cui immergersi?

Ecco perché, da quei lunghi PERCORSI che erano (e continuano ad essere, talvolta) i miei corsi, sono nate le MONOGRAFIE, delle vere e proprie esplorazioni intensive in cui alcuni degli autori più importanti della Letteratura Americana raccontano i loro luoghi. E viceversa.

In particolare, di Monografie ne ho pensate quattro: con David Foster Wallace si va nell’Illinois rurale, geometrico e innocente; con Tennessee Williams Truman Capote ci immergiamo nella magia sensuale della Louisiana; con Bret Easton Ellis e Joan Didion si conosce la California del sole e del male; con Raymond Carver, infine, viaggiamo nel boscoso, periferico e acquoso Pacific Northwest.

Ed è qui, nel punto più lontano nell’Ovest degli Stati Uniti, quello da cui però arrivano alcune delle storie che abbiamo sentito più nostre e vicine, che si va prossimamente: un’occasione per viaggiare con lui, leggere alcuni dei suoi racconti, cercarne le origini, chiacchierare e condividere il fascino di uno dei paesaggi più remoti e caratteristici d’America, un paesaggio che amalgama tra le sue nebbie scrittura, vita di provincia e natura.

Monografia Carver - McMusa

Uno degli scrittori americani più amati e conosciuti immerge la sua opera nei fiumi, nei boschi, nelle case del brumoso stato di Washington e in quelle dell’umido e verdissimo Oregon. I nomi dei paesi dove Carver vive la sua giovinezza e poi, con l’amata moglie e scrittrice Tess Gallagher, la sua maturità di scrittore evocano province lontane e indefinite, suggeriscono distanze, luci e segreti intimi che potrebbero restare inaccessibili e invece prendono forma concreta e familiare nei suoi numerosi racconti. Yakima, il fiume Naches, quella città dimenticata dal tempo che è Goldendale, la diga di Bonneville, la segheria di Clatskanie – che è anche il nome del paese in cui Carver è nato: questi i punti di riferimento di un mondo narrativo che ha stregato, con le sue sospensioni e la sua natura essenziale, la sensibilità di molti di noi. Un mondo narrativo e reale insieme che si chiama Carver Country.

————————————————————————————————————————————————

Letture da America oggi, Da dove sto chiamando, Cattedrale, Vuoi star zitta, per favore? + approfondimento fotografico con Carver Country di Bob Adelman +  visioni tratte da America oggi di Robert Altman + articoli e interviste tratti da alcuni dei più significativi media americani.

————————————————————————————————————————————————

23-24 gennaio 2016 | 15-19 sabato, 11-15 domenica | weekend letterario alla libreria Modo Infoshop di Bologna, via Mascarella 24/b | 80 euro

12-19-26 gennaio, 2 febbraio 2016 | 20.30-22.30 | seminario in collaborazione con l’associazione culturale Babelica a Torino, via Don Bosco 23e | 100 euro

Per info e iscrizioni potete scrivere a me (marta.ciccolari@gmail.com). Prossime date più avanti!

————————————————————————————————————————————————

“La narrativa che a me personalmente interessa di più è quella che ha senz’altro punti di riferimento nel mondo reale. I racconti, brevi o lunghi che siano, non vengono dal nulla.”

No, infatti, Carver ha ragione. Vengono sempre da qualche parte, una parte che a me piace andare a esplorare, a vedere con i miei occhi per poi tornare a vederla sulla pagina molto più completa di prima.

Vi aspetto per chiacchierarne insieme!

PS: secondo voi chi realizza le locandine delle MONOGRAFIE che sono così simili alle prime Figurine del blog? Eh, Thomas 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: