Americanate. Ovvero: cosa ne sappiamo noi dell’America?

Tutti voi sapete quanto mi piace la pop culture. Quanto creda, anche, nel potere rivoluzionario della pop culture.

Se ci credete anche voi ma soprattutto se non ci credete e, anzi, un po’ la snobbate, avete finalmente l’occasione di scoprirne i lati segreti e più affascinanti (oltre che complessi) attraverso delle piacevoli serate d’intrattenimento: è con gioia, infatti, che inizio una nuova collaborazione con l’editore e dispensatore di corsi Zandegù, proponendo ai suoi e ai miei affezionati un format nuovo di zecca.

Si chiama Americanate, è fatto di stereotipi e leggende e l’ho pensato togliendomi i panni della maestra e mettendomi quella della super eroina.

STORIACCE ✏

Quattro appuntamenti alla scoperta dei cliché culturali americani – tanto criticati quanto, in fondo, amati – attraverso racconti, romanzi, storie letterarie e storie pop. Dalle partite di football con le cheerleader alla vita dei Marine; dalle corse a cavallo verso l’eterna frontiera alle sparatorie nel canyon coi cowboy; dal deserto selvaggio della perdizione alle sordide periferie della corruzione e del crimine; dalla casa con il vialetto al luna park anni Cinquanta; dagli yuppie agli hippie agli hipster: se l’America è uno stereotipo che si perpetra di storia in storia, di secolo in secolo, di città in città, cosa ne sappiamo noi allora dell’America?

In perfetto American style, con informalità, citazioni e uso massiccio di materiali della pop culture, come se fossimo al Pitch Pit o al Central Perk solo che invece di essere cinque saremo cinquanta, ogni giovedì sera un cliché diverso sarà letto e discusso insieme a partire da una o più opere della letteratura americana contemporanea e, cercando di contaminare la narrativa con la realtà, approderemo a una risposta profonda e complessa che ci impedirà da allora in poi di chiudere un libro o uscire da un cinema e dire: “È la solita americanata”.

————————————————————————————————————————————————

29 ottobre 2015 | I Can’t Wait for the Superbowl! Sport, frontiera e spettacolo: un giorno all’anno per fare la storia.

19 novembre 2015 | California dreamin’. Il gioco di luci e ombre là dove il sogno americano sembra più reale: Hollywood, l’oceano, i biondoni tutti surf e muscoli.

17 dicembre 2015 | It’s BBQ Time! Tipici elementi di vita di famiglia: la casa con il vialetto, le casalinghe disperate, gli anni Cinquanta che non finiscono mai, un hot dog sulla griglia e le luci di Natale in giardino.

21 gennaio 2016 | I ❤ NYC. Tutti i mille e più modi per innamorarsi a e di New York.

————————————————————————————————————————————————

Tutte le informazioni (orario, indirizzo e costi) le trovate qui. Se invece volete un piccolo assaggio, perché non iniziare da qua? Secondo me Americanate è un progetto davvero carino, spero vogliate farne parte e spero, perché no, di poterlo replicare anche altrove più avanti.

Purtroppo o per fortuna, le americanate non finiscono mai 🙂

PS: e non finiscono neanche i giovedì di Zandegù! Dopo i 4 condotti da me, passo il timone a Beatrina Incorporella e alle sue storie di formazione.

Annunci

Un Commento

  1. Pingback: È nato prima l’amore o New York? Una storia | La McMusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: