Guardate la mia Faccia da Blogger

Venerdì 30 gennaio inaugura alla Galleria Vittoria di Roma Facce da Blogger, una mostra di ritratti fotografici realizzati da Elena Datrino. 30 ritratti per 30 blogger italiani, la mostra rivela il volto nascosto di chi lavora, scrive e si esprime da dietro uno schermo, senza mai – o quasi – metterci la faccia.

Tra i blogger ritratti ci sono anch’io, insieme a una bandiera americana che dichiara il tema del mio blog e una serie di abiti, colori, oggetti, libri, riviste e souvenir che dichiarano, meglio di qualsivoglia didascalia, il mio stile, il carattere del blog. Cos’è la McMusa guardando queste foto? Adesso che molti di voi mi vedono per la prima volta, era proprio così che mi immaginavate?

Sarebbe interessante sentire le vostre risposte, sarebbe curioso vedere le mie reazioni e, ancor di più, sarebbe bello poter discutere con Elena degli aspetti più significativi della sua ricerca. Una ricerca che mi è piaciuta da subito – io che stare davanti all’obiettivo mi rende timida – per la sua delicatezza, per la sincera intenzione di unire al disvelamento di un volto la rivelazione di un intero mondo (uno per ognuno dei nostri blog) e per il rispetto non sensazionalistico ma al contempo sano con cui si è guardato alla nostra attività. Blogger è una parola che a molti non piace: io non la utilizzo spesso, però oggi, leggendo cosa Elena intende quando la usa, sono felice di esserlo.

4967

Di springsteeniana ispirazione, le foto che vedete in questo post raccontano alcuni momenti dello shooting. Quelle che sono state scelte e lavorate per la mostra sono ovviamente top secret.

Cari Elena e Tiziano della Galleria Vittoria, adesso è il vostro turno di stare dietro lo schermo!

Chi è Elena?

Ho 37 anni, sono piemontese di nascita e milanese di adozione. Dalla provincia di Torino, mi sono trasferita a Milano per frequentare lo IED e dopo il diploma in fotografia del 1999 ho lavorato come assistente fotografa per 7 anni. È qui che ho messo le mie radici e nel 2011 ho aperto il mio studio fotografico.

La passione per le arti visive è cominciata da piccola grazie alla galleria di antiquariato di famiglia. Sono  stata affascinata prima dalla pittura di ritratto e poi dalle attrezzature dei fotografi che vedevo lavorare alle prese con riproduzioni di dipinti, mobili e sculture. A casa sono circolate grandi quantità di fotografie, sia per lavoro che per divertimento. Mi ha sempre emozionato la disinvoltura con cui in famiglia si sono condivise le immagini, in un mix caotico e allegro. Ho guardato con la stessa intensità immagini tecnicamente molto complesse di importanti dipinti antichi e altre scattate spontaneamente con polaroid o fotocamere usa e getta di feste, cene e incontri.

Oggi la fotografia di riproduzione d’arte è il ramo lavorativo in cui mi sono specializzata e il ritratto la mia più grande passione.

Chi è Tiziano?

Tiziano è un ragazzo di 24 anni che per passatempo, all’età di 18 anni, si è inserito nella galleria d’arte di famiglia, per poi scoprire che il passatempo era diventato una grande passione e decidere di non lasciarla più.

Perché, Elena, hai deciso di ritrarre dei blogger? 

Ho cominciato a incuriosirmi notando che, ad eccezione di chi si occupa di fashion, molti blogger non hanno un proprio ritratto in rete. Per tanti è una strategia non rivelarsi, molti semplicemente non hanno ritratti che li rappresentino veramente, che abbiano un legame con l’argomento di cui parlano e che rafforzino la loro identità. Come sono curiosa di guardare il ritratto dell’autore di un libro, così avrei voluto sapere che volto avesse il blogger che stavo leggendo. Scoprendo poi che ogni blogger ha un suo pubblico, da cui è costantemente seguito, ho pensato che la mia curiosità potesse essere quella di molti e che fosse significativo il denominatore comune dei blogger: stare dietro uno schermo ed essere conosciuti in senso planetario per le proprie parole, ma non per il proprio volto. Ho voluto colmare un vuoto comunicativo e, come faccio spesso, ho cominciato il lavoro con l’idea di realizzare un servizio redazionale da proporre ai giornali cercando di contestualizzare i soggetti con colori di sfondo precisi e simboli ironici, descrittivi delle argomentazioni trattate nei diversi blog.

E perché, Tiziano, sei stato attratto dal progetto?

Era da circa un anno che con Elena stavamo cercando di organizzare una sua personale. Noi come galleria non trattiamo molto la fotografia – tranne alcune eccezioni. Una sera, mentre mi raccontava i suoi ultimi progetti, mi ha accennato di questi scatti che stava facendo ai blogger e lì ho pensato che ci potesse essere un potenziale. Da lì a poco il progetto si è ampliato dando vita a Facce da Blogger.

Cosa avete scoperto di noi dopo averci ritratto?

Ho scoperto che per essere blogger ci vuole molta passione, costanza e pazienza e che per essere notati nel mare informativo del web un blogger deve sapersi distinguere, ogni blogger è una personalità unica. Le sue armi sono la creatività e l’originalità, l’ironia e la capacità comunicativa. Non è tanto l’argomento di cui si parla a fare le differenza, ma il modo con cui si scrive e le declinazioni dell’argomento. Ho scoperto molta inventiva e volontà, e un amore particolare per la parola e il linguaggio: i blogger scrivono, ma leggono anche tanto!

5164

Elena, ti è capitato di pensare che i blogger in carne e ossa siano molto diversi dai blogger dietro lo schermo? Hai qualche aneddoto da raccontarci a proposito? 

L’aneddoto che ha legato tutti gli scatti e che si è presentato come un momento quasi rituale è stato l’istante in cui i blogger hanno lasciato il set per vedersi ritratti: la loro emozione e il loro entusiasmo di “piacersi” mi hanno attraversata ogni volta. Anche chi credevo più timido sì è lasciato andare. Questo mi ha confermato ciò che ho sempre provato nei confronti di un volto ritratto: quell’attimo in cui l’atmosfera ruota intorno a un viso, tutta l’energia anche solo di un filo di luce crea l’anima a tutto tondo di una persona. Grazie all’uso della luce che mi hanno insegnato i dipinti e l’esperienza, ho provato a rendere vero questo sogno.

5088

E un’anticipazione sull’allestimento della mostra a Roma?

(E) I blogger fotografati sono 30 e per ognuno saranno esposti due ritratti: uno in formato grande, con stampa montata su lumaframe; uno più piccolo con didascalie scritte dagli stessi blogger per riassumere in poche righe il loro mondo. (T) Le foto sono di per sè già molto cariche, quindi l’allestimento sarà molto semplice. Per quanto riguarda l’inaugurazione sarà quasi una festa, in quanto ci saranno molti dei bloggers ritratti che verranno da tutta Italia.

Cosa ne sarà dei nostri ritratti dopo Roma? Dove finiremo?

(E) Mi auguro che Facce da Blogger vada in tour, ci sono già ipotesi di realizzazione della mostra in altre città. Uno degli scopi del progetto è che la sua comunicazione diventi virale, dando modo a ogni blogger di allargare il proprio network e, contemporaneamente, offrendolo agli altri, portando a tutti noi nuovi interessanti contatti e incroci artistici e lavorativi. Una dimostrazione di come la rete sia sì un mondo virtuale, ma profondamente connesso alla realtà. (T) Stiamo lavorando come Galleria affinché la mostra possa girare sul territorio italiano, ma non escludiamo che possa andare anche all’estero.

Qual è il vostro american dream?

(E) Ho tanti sogni nel cassetto, ma il più americano è quello di accompagnare la McMusa in uno dei prossimi Book Riders, i suoi tour letterari negli Stati Uniti, e raccontarlo con la fotografia, magari ritraendo scrittori contemporanei o musicisti mitici, come hanno fatto Scorsese e Clint Eastwood lungo le rive del Mississippi, ripercorrendo la storia del blues. Che ne dici, Marta?! [dico che hai anticipato la mia domanda di pochi giorni, te lo avrei chiesto a Roma, e che la mia risposta è: hell yes!] (T) Leggendo quello di Elena che posso rispondere?? Che il mio american dream è quello di poter esporre questa nuova mostra il più presto possibile!

Appuntamento a Roma, allora, alla fine del mese per contaminare di realtà tutti e 30 i nostri regni nel web.

5079

DETAILS

  • Inaugurazione: venerdì 30 gennaio 2015 alle ore 18.00
  • Durata: 30 gennaio – 15 febbraio 2015, lunedì / venerdì 15.00-19.00 – fuori orario su appuntamento
  • Presso: Galleria Vittoria – via Margutta 103 – tel. 06.36001878
  • A cura di: Tiziano M. Todi
  • www.galleriavittoria.cominfo@galleriavittoria.com
  • Qui l’evento Facebook della mostra con l’elenco di tutti i blog coinvolti.
Annunci

  1. chezuppa

    ciao, ci vediamo all’inaugurazione? Sto andando alla ricerca degli altri soggetti ritratti da Elena, sono curiosissimo! 😉

    Liked by 1 persona

  2. Marta, sei fighissima come sempre!
    Il progetto poi e’ davvero molto interessante: sarebbe bello, ogni tanto, avere la possibilita’ di affacciarsi effettivamente da quelle finestrelle virtuali..
    Anyway, BABY YOU WERE BORN TO RUN!!!

    Liked by 1 persona

  3. ma che figata! poi tu sei bella! smak!

    Liked by 1 persona

  4. ps sisi io ti immaginavo proprio cosi’. Ma una foto con la sciarpa no? Io il collo te lo avro’ visto sette volte in cinque anni.

    Liked by 1 persona

  5. Ma ovviamente quando vieni qui le birre trappiste le proviamo tutte, VERO?

    Liked by 1 persona

  6. Bruno Mascianá

    Ma quanto è figa mi cugina Marta !!!!!!!!

    Liked by 1 persona

  7. Ti immaginavo proprio così: con gli occhi espressivi e il sorriso sul volto come marchio di riconoscimento! Bella tu 🙂

    Liked by 1 persona

  8. Una straordinaria Window.

    Liked by 1 persona

  9. Luca.Sempre

    Allora… vabbè… visto che la mostra è a Roma, visto che io vengo da questo mondo (arte e fotografia), visto che sei una musa americana, visto che il 29 gennaio è il mio compleanno, visto che anch’io sono blogger a tempo (molto) perso ultimamente, visto che tanto prima o poi ti romperò le palle per averti come (mia) editor, visto tutto questo… Vediamo se riesco a spostare la mia festicciola di compleanno per fare un salto alla mostra di venerdì 😉

    Liked by 1 persona

    • Nooo way, veramente? Guarda che io mi fermo a Roma tutto il weekend e la mostra dura fino al 15 febbraio, forse riesci a non spostare la festa. Oppure, ancora meglio, sposta la festa alla mostra 😉 In ogni caso, ci sono troppi motivi per festeggiare, quindi pronti via. Ci vediamo lì!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: