Consigli di lettura: La McMusa

Grazie agli amici di Cartaresistente che mi hanno lasciato suonare i violini per un libro che non si può non amare con tutto il cuore.

20140120-134601.jpg

È molto nota quella teoria della critica letteraria secondo cui l’opera è un’entità indipendente dal suo autore, è una creazione che si compie davvero solo quando è consegnata al pubblico e diventa tante opere diverse quante sono le interpretazioni dei suoi lettori. Tutto vero, in teoria. In pratica – la pratica della lettura – le cose per me vanno un po’ diversamente.

A me piace quando l’opera torna indietro al suo autore e di lui (o lei) mi parla.

Mi piace sapere dove si trovava lo scrittore quando ha scritto quel racconto. Chi erano le persone che lo influenzavano, cosa faceva la sera, dove incontrava gli amici (se ne aveva), cosa leggeva prima di mettersi a scrivere. I suoi tormenti e le aspettative. Le abitudini umane. Mi piace bucare quella stretta creativa che unisce scrittore, personaggi, luoghi dell’anima e fatica dello scrivere.

Ecco perché mi sono commossa quando ho letto

View original post 270 altre parole

Annunci

  1. Pingback: Nel Pacific Northwest di Raymond Carver | La McMusa

  2. Pingback: Maggio 2016 | I Book Riders nel Pacific Northwest | La McMusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: